Differenziata boom, il Porta a Porta funziona. Crescita record dall’introduzione del metodo di raccolta. In arrivo due ecostation e la tariffazione puntuale

di Redazione, #Scandiano

Il Porta a Porta funziona. Sono i dati dell’Osservatorio Rifiuti Sovraregionale (Orso) a dirlo, confortando dunque l’amministrazione comunale che da alcuni anni – e in modo graduale – ha deciso di introdurre questo metodo di raccolta rifiuti proprio con l’obiettivo di migliorare sensibilmente i dati della differenziata. “Siamo passati dal 64,8% del 2019 all’87,3% di Maggio 2021 – ha spiegato il sindaco Matteo Nasciuti – un balzo considerevole contestuale all’introduzione del Porta a Porta per la raccolta di rifiuti indifferenziati e organici in tutto il territorio comunale”.

Il nuovo metodo infatti, affidato nella gestione a Iren, ha avuto quattro step differenti di introduzione. Dall’ottobre 2018 è partita la frazione di Bosco, nel gennaio 2020 le frazioni di Arceto, Cacciola e Fellegara, a fine 2020 prima il forese scandianese e poi il centro storico.

“Una scelta, quella di introdurre il porta a porta in modo graduale – ha spiegato l’assessore alla città sostenibile Claudio Pedroni – che ha pagato ed ha permesso di avere modo di tarare meglio il servizio alle esigenze degli operatori e, soprattutto, dei cittadini”.

Il dato più significativo, che conferma quanto abbiamo detto, è senza dubbio il crollo del conferimento del rifiuto indifferenziato, passato dai quasi 7 milioni di kg nel 2019 ai poco più di 2 milioni sulla proiezione del 2021. A questo fa da contraltare la crescita del rifiuto differenziato organico, trattato appunto attraverso il porta a porta, che passa dai circa 965mila kg del 2019 agli oltre 2milioni di kg della proiezione 2021. Cresciuti, in virtù di una strategia virtuosa che mira anche a responsabilizzare i cittadini rispetto alla necessità di differenziare, anche le frazioni che continuano ad essere conferite attraverso i cassonetti, ossia carta, plastica e vetro. Gli scandianesi stanno infatti differenziando circa 70mila kg di carta in più, oltre 400mila kg di plastica in più e quasi 400mila kg di vetro o barattolame in più.

In crescita sensibile anche il conferimento di olio alimentare esausto, per il quale sono state installate 11 postazioni lungo tutto il territorio comunale facilitando così l’accesso e il conferimento a tanti cittadini che prima erano costretti a recarsi all’isola ecologica.

Dai 5.240 kg di olio conferiti nel 2019, si viaggia verso una cifra superiore a 7600 kg nella proiezione 2021.

“Tengo anche a ringraziare i cittadini scandianesi – ha concluso il sindaco – che come sempre hanno dimostrato grande sensibilità e grande capacità di adattamento. Dopo un momento di difficoltà, nel quale con i cittadini e con l’azienda abbiamo cercato di trovare i correttivi giusti, la situazione si è normalizzata. Quello che questi dati dicono è però inequivocabile: il porta a porta funziona e ci permette di raggiungere obiettivi importanti in breve tempo”.

Con l’obiettivi di agevolare ancora di più i cittadini e sensibilizzarli alla raccolta differenziata, il Comune di Scandiano e Iren hanno scelto di introdurre due eco-station, due postazioni che riceveranno i rifiuti utilizzabili, con il lettore del codice fiscale, per chi non potesse aspettare il ritiro del porta a porta. “Arriveremo poi – ha aggiunto l’assessore Pedroni – alla tariffa puntuale, ulteriore step in un processo di differenziazione che premia i cittadini più virtuosi”. Così un comunicato stampa del Comune di Scandiano.

 

(14 luglio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: